Todisco: «Lavoro gratis per sistemare le scuole dei nostri ragazzi»

todisco– FABRIANO – LA PROPOSTA LUCIANO TODISCO: «MI METTO A DISPOSIZIONE UN SABATO AL MESE. SPERO MI SEGUANO ALTRI» UN ARTIGIANO fabrianese pronto a lavorare gratis per sistemare le scuole cittadine che versano in stato di degrado. E’ l’iniziativa di Luciano Todisco, dal 1994 titolare dell’azienda di infissi Isoltermo, che ha appena contattato l’assessore ai lavori pubblici Claudio Alianello per effettuare una serie di piccole manutenzioni senza farsi pagare né i costi della manodopera, né quelli relativi al materiale. «Un sabato mattina al mese – spiega Todisco – sono disposto a operare nei plessi individuati in accordo con il Comune per una serie di piccoli interventi che rendano più funzionali e accoglienti i nostri istituti. Perché lo faccio? Perché sono un fabrianese e un padre e dunque ci tengo che i miei figli ma anche quelli degli altri genitori della nostra comunità possano avere la possibilità di andare a scuola in edifici dignitosi in un periodo in cui gli enti pubblici sono in difficoltà e non hanno risorse per effettuare anche le piccole riparazioni».
Del resto la sua iniziativa nasce proprio dai contatti con alcuni operatori scolastici durante i quali è emerso come le condizioni di difficoltà di alcuni plessi siano palesi sotto il profilo della manutenzione, oltre a evidenziare come ormai le casse si presentano talmente asfittiche da chiedere ai genitori degli alunni di acquistare a proprie spese materiale ad uso didattico. «Di fronte a una situazione così difficile – aggiunge Todisco – mi sento in dovere di fare qualcosa in prima persona. Magari il mio sarà solo un piccolo gesto, ma mi auguro che ce ne siano anche altri perché noi genitori abbiamo tutti il dovere di pensare al futuro delle nuove generazioni a cui dare in mano un domani caratterizzato non solo da rischi e incognite».

FONTE IL RESTO DEL CARLINO -Alessandro Di Marco-

Precedente Spacca, primo maggio amaro per lavoro Successivo Estorsione: arrestato un 35enne, denunciato il complice