Trappola in chat per il rivale in amore, botte all’appuntamento

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 11 aprile 2016 – La compagna gli dà la password con cui accede a un noto sito d’incontri, e lui la usa. Sotto mentite spoglie si fa una chiacchierata col rivale in amore per poi incontrarlo e punirlo.

‘Gesta’ che valgono a uno jesino di 59 anni una condanna a sei mesi di reclusione (pena sospesa) e al pagamento di 5mila euro alla parte civile, un consulente finanziario di 45 anni.

Il tutto comincia con il ‘test di serietà’ a cui lo jesino decide di sottoporre la sua lei. Navigando con la sua password s’imbatte nell’altro, che lo contatta pensando di avere a che fare con la donna.

Scatta l’appuntamento: quella sera stessa alla Baraccola. Una trappola.

Dopo una breve presentazione il 59enne molla due pugni in faccia al rivale. Quest’ultimo cerca la fuga in auto e viene speronato dall’aggressore.

Quest’ultimo tenta la carta della ‘legittima’ difesa: “Mi ha dato del cornuto”. Ma il giudice non si impietosisce.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Geloso, si spaccia in chat per la fidanzata e picchia il rivale in amore: condannato Successivo Listeriosi, sono possibili nuovi casi Il ministro: "Il monitoraggio prosegue"