Tre anziani morti per il caldo negli ultimi giorni

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 18 luglio 2015 – Temperature fino a 37 gradi possono rappresentare un appuntamento mortale per molti anziani. Come ci ha confermato ieri il dottor Giancarlo Titolo degli ospedali riuniti Marche nord: «Dobbiamo registrare in questi ultimi giorni di grande caldo il decesso di almeno tre pazienti anziani. Avevano sicuramente altri problemi sanitari importanti, ma ciò che ha fatto precipitare il loro quadro clinico per disidratazione è stata l’eccessiva temperatura. Stimiamo che circa il 10 per cento dei decessi annui qui al Santa Croce di Fano possono avere avuto nel caldo la causa ultima. Quindi, nel nostro caso, circa sette pazienti l’anno».

Non ci sono statistiche precise a disposizione per quanto riguarda il San Salvatore di Pesaro ma è probabile che la percentuale possa essere simile o addirittura superiore. Rimangono validi i consigli per evitare alle persone con situazioni sanitarie critiche di subire un aggravamento a causa del caldo. Occorre bere molto, non rimanere sotto il sole, cibarsi di frutta e verdura ed evitare anche piccoli lavori che potrebbero affaticare.

Anche perché i bollettini meteo non promettono novità nel breve periodo, visto il solido campo di alta pressione: il caldo torrido è destinato a prolungarsi almeno per un’altra settimana; e tutto lascia pensare che anche l’inizio di agosto sarà sulla stessa falsariga. Anche i terreni, specialmente quelli collinari, cominciano a risentire della prolungata esposizione al sole. In molte zone il verde ha già lasciato posto a distese di campi ingialliti.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Macerata, con la Yaris fino in Mongolia per salvare l'Amazzonia: il viaggio estremo di Marco Marcelletti Successivo Vendono rilevatori di gas "Attenti, ​sono impostori"