Tre giorni in albergo senza pagare, poi scompaiono nel nulla

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Macerata, 13 ottobre 2014 – Tre giorni in vacanza, senza tirare fuori un euro. E’ quello che avrebbero fatto due amici, scroccando un soggiorno all’hotel Miramare e lasciando da pagare un conto da 1.850 euro. Per questo sono sotto processo, accusati di insolvenza fraudolenta, G.D.C., di Pescara e residente a Padova, ed E.L., fiorentino residente a Montesilvano.

I fatti sarebbero successi nel giugno del 2010. I due avrebbero trascorso tre giorni al Miramare, con pranzi, cene e colazioni: una bella vita. Al momento di pagare, però, se ne sarebbero andati lasciando il conto in sospeso. Da allora, di quei due clienti non si è saputo più nulla.

E non se ne è saputo nulla ancora ieri mattina, al processo che intanto è iniziato per loro. I due, difesi d’ufficio dall’avvocato Domenico Biasco, sono irreperibili e non si sono mai preoccupati dell’eventuale condanna che potrebbe arrivare per loro. Ieri comunque il processo a Macerata è stato rinviato, perché non era presente neppure la parte offesa, il proprietario del Miramare. L’udienza è slittata al 15 giugno.



 

Precedente Ue, ok a Whirlpool per acquisto Indesit Successivo "Ha intascato il denaro degli investimenti". A processo direttore di banca