Trovata la Jaguar di Diabolik rubata a un ascolano

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 21 agosto 2015 – Avevano rubato un’auto ben presente nell’immaginario collettivo: una Jaguar E Type 3.8 del 1962, la stessa usata da Diabolik nel fumetto delle sorelle Giussani. Il furto è avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì nei pressi del lungomare di San Benedetto, dove l’auto, nera, brillava certamente. A subire il danno, un imprenditore ascolano, proprietario della Jaguar. Dopo poche ore, e a pochi chilometri di distanza, la polizia ha però ritrovato l’auto, con una tempestività superiore a quella di un fumetto: la Jaguar si trovava in un camping abbandonato, a Villarosa di Martinsicuro. Naturalmente non c’erano tracce degli autori del furto, per rintracciare i quali sono ancora in corso le indagini: la stessa pista che ha portato gli agenti al ritrovamento dell’auto potrebbe condurre anche all’individuazione degli autori del furto. Oggi stesso, intanto, la Jaguar verrà riconsegnata al proprietario, che ritrova sia un gioiello del valore stimato in circa 80 mila euro, sia la suggestione che l’accompagna, traccia di un’industria automobilistica scomparsa (il marchio Jaguar è oggi di proprietà dell’indiana Tata Motors, ed è tutta un’altra storia), di una società profondamente cambiata, e di un immaginario emigrato altrove. La soddisfazione dell’imprenditore ascolano e dei poliziotti autori della brillante operazione si accompagna a quella degli appassionati di fumetti, i quali sapranno peraltro che Angelo Maria Ricci, disegnatore delle tavole del «genio del male», vive da alcuni anni a Grottammare. Per una volta, insomma, l’ispettore Ginko aiuta il suo eterno rivale Diabolik e la sua compagna Eva Kant: la Jaguar nera è salva, non soltanto nella fantasia, ma anche nelle strade del Piceno.

Giovanni Desideri

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Teramo in D, l’avvocato Chiacchio: «Sentenza violenta». Grassani: «Giusto così» Successivo Venarotta, il calcio non scompare: è stata fondata la nuova società