Tutti pazzi per l’Inter, in 14mila al Del Conero per l’amichevole contro l’Aek

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona

IL LUNGO abbraccio delle Marche al’Inter era cominciato ieri mattina al Carotti di Jesi.

L’amore nerazzurro si è poi trasferito al Del Conero. Un San Siro in piccolo, festoso, entusiasta, appassionato. Soprattutto più capiente (per quasi venti mila persone) coi distinti nord e sud-est riaperti per l’occasione.

La processione di chi aveva il biglietto in tasca è cominciata ben prima delle 19, orario previsto per l’apertura dei cancelli, e proseguita perfino per l’intera durata del primo tempo. Parcheggio pieno e auto in coda.

Attorno alle 19.40 l’arrivo del pullman dell’Inter (ovviamente scortato dalla Polizia, ndr) accompagnato dai selfie di giovani e meno giovani che non potevano mancare l’appuntamento con la foto dei propri beniamini, nascosti dietro i vetri oscurati del mezzo. Via a un nuovo pieno di tifo al momento dell’ingresso della squadra per il riscaldamento.

Cori per tutti, ma applausi, come logico fosse, per il Mancio e sfottò indirizzati ai cugini del Milan.

Il Del Conero rimane però nudo, senza striscioni, né bandiere. A colorarlo gli ombrelli aperti per ripararsi dalla pioggia iniziata a cadere al termine del primo tempo.

Ad accenderlo invece i flash dei telefonini e il potenziato (ma neanche tanto) impianto d’illuminazione dello stadio. Insaziabile la voglia di calcio di Ancona e delle Marche, rappresentate dai numerosi Inter Club. Imponente il dispiegamento di mezzi televisivi con la diretta su Premium Sport, Inter Channel e perfino un giornalista della tv greca. A proposito, una ventina gli ellenici: chiassosi e a torso nudo per tutta la partita, mescolati ai supporter interisti.

Prima del match il presidente dell’Ancona Fiorello Gramillano e l’amministratore delegato David Miani hanno omaggiato i due allenatori Mancini e Dellas con una maglia biancorossa. In tribuna Marco Fassone e Piero Ausilio per l’Inter, due degli sponsor del club dorico Andrea Marinelli e Sergio Schiavoni. E poi il vicesindaco di Ancona Pierpaolo Sediari, il presidente del Coni Marche e capo segreteria del Governatore Luca Ceriscioli Fabio Sturani, il presidente dell’Autorità Portuale Rodolfo Giampieri.

Per una notte almeno il Del Conero ha assaporato l’evento, vestendosi di nerazzurro.

a.f.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Caccia al Teshorror, sulle tracce del patriota urbinate-australiano Raffaele Carboni Successivo La tragedia dei tornado un anno dopo: monumento a Venarotta