Un, due, tre, l’Ascoli piega lo Spezia e abbandona la zona retrocessione

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 27 dicembre 2015 – Il Picchio chiude in bellezza in un sol colpo il suo 2015 e, soprattutto, il suo girone d’andata. Contro lo Spezia i bianconeri vincono e convincono nel 3-0 che permette di ottenere la seconda vittoria di fila. Abbandonata finalmente la zona rossa della classifica. Ancora una volta a segno il tandem Cacia-Petagna. I due attaccanti dopo essere andati entrambi in gol a Livorno si sono ripetuti anche stavolta mostrando un ottima intesa nell’arco di tutta la gara.

Nel dettaglio, la gara del Del Duca. Il tecnico Devis Mangia manda in campo lo stesso undici titolare di Livorno. L’inizio vede subito i bianconeri premere forte sull’acceleratore. Il terzetto difensivo chiude ogni spazio e sulle fasce Almici e Jankto creano vari problemi alla formazione ligure. Il Picchio fa la partita, ma lo Spezia prova a rendersi pericoloso in contropiede.

All’8’ è Brezovec a colpire il palo, forse anche grazie a un provvidenziale Svedkauskas, con un tiro da fuori area; sulla respinta è velocissimo Situm ma il suo tiro termina incredibilmente alto. L’Ascoli reagisce, davanti Petagna e Cacia provano in ogni modo a trovare il varco giusto per sbloccare il risultato ma la partita non si sblocca fino al secondo tempo. Nella ripresa, con il passare dei minutic lo Spezia si allunga troppo e inizia a concedere troppi spazi, soprattutto sulle corsie laterali dove Jankto diventa imprendibile.

Proprio il vantaggio nasce da una combinazione tra Giorgi e il giovane ceco che dopo aver sfondato serve Petagna al centro dell’area per l’1-0. Gli uomini di Di Carlo accusano il colpo e l’Ascoli sale in cattedra. Invece di difendere il risultato i bianconeri cercano insistentemente il raddoppio e colpiscono due traverse, prima con Addae poi con Almici. Pochi minuti più tardi arriva il raddoppio siglato dal ghanese.

Sul corner battuto da Jankto il centrocampista si fa trovare pronto e al volo di destro insacca la porta di Chichizola. Esplode la festa dei tifosi bianconeri che continuano incessantemente a cantare a squarciagola sugli spalti. E così arriva anche il tris firmato Cacia. Il bomber sfrutta un lancio dalle retrovie controlla di petto, resistendo alla carica di un avversario, e si presenta davanti all’estremo difensore avversario.

Per lui è un gioco da ragazzi infilare la porta ancora la porta dello Spezia. Standing ovation per lui quando Mangia lo richiama in panchina buttando dentro Perez. E nel finale c’è spazio anche per quest’ultimo che colpisce un palo pieno con un gran tiro in corsa. Al fischio finale tecnico e giocatori vanno a festeggiare sotto la curva Sud. In classifica ora l’Ascoli risale al 17esimo posto a quota 23 punti riuscendo, considerando come si stavano mettendo le cose, a chiudere la prima metà del campionato nel migliore dei modi. Ora i dirigenti, il tecnico, lo staff tecnico e i giocatori si godranno qualche giorno di riposo prima di riprendere a lavorare sodo. Nel frattempo la società si prepara ad affrontare il mercato di riparazione.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Lisippo, tutto da rifare. Annullata la confisca Successivo Assenteismo, il Comune di Grottammare nel mirino di un'inchiesta Tv