Un odore che non ci piace

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli Piceno, 7 giugno 2015 – La battaglia contro il possibile e probabile depotenziamento della Centrale Operativa del 118 che il Carlino sta portando avanti da giorni, impone qualche riflessione. La sensazione, infatti, è che si sia ancora una volta di fronte a una politica miope, tutta basata sui conti e non sulla tutela dei cittadini che, fino a prova contraria, pagano, e caro, le tasse. Ma fin qui nulla di nuovo, se ne parla da anni e tutti attendono, in questo senso, buone notizie da parte del neo governatore Ceriscioli. Però quello che c’è di spiacevole in questa faccenda del 118 è che ha un odore diverso rispetto ad altre diatribe sanitarie e non. C’è qui un sapore quasi di fastidio che si percepisce nelle parole dei dirigenti Asur quando parlano dei lavoratori dell’emergenza. C’è, qui, una sorta di irritazione incomprensibile nei confronti di questi uomini e di queste donne che tutti i giorni volano in lungo e in largo a salvare vite umane. E c’è anche una critica mal motivata nei confronti di una sacrosanta protesta che davvero (la critica ovviamente), non ci piace. Oggi pubblichiamo una bella lettera di uno di quegli operatori. Leggetela e capirete perché anche noi della redazione ascolana ce la siamo presa tanto a cuore. 



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Marina Dorica, imbarcazione in fiamme nel porto turistico Successivo Stiamo freschi