Una voragine sul Colle dell’Infinito: i luoghi di Leopardi sono a rischio

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Recanati (Macerata), 26 maggio 2015 - Lo aveva invitato giusto un anno fa a visitare Recanati e i luoghi leopardiani. E oggi Francesco Fiordomo, sindaco della città leopardiana, si appella allo stesso Dario Franceschini, ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo: per mettere in sicurezza l’Ermo Colle servono almeno sei milioni di euro. L’emergenza è scattata dopo la bomba d’acqua che, tra giovedì e venerdì, ha provocato l’apertura di una voragine di alcuni metri lungo la circonvallazione che costeggia il Colle dell’Infinito: quattro milioni solo per il consolidamento e due per la riqualificazione della zona. Un impegno decisamente troppo gravoso per il solo Comune di Recanati, ma Fiordomo spera che siano in tanti a impegnarsi.

La voragine si è aperta proprio al di sotto della strada che costeggia il versante reso celebre dai versi di Giacomo Leopardi, «un patrimonio dell’umanità – lo definisce il primo cittadino – perché sarebbe del tutto limitativo e fuori luogo considerarlo un patrimonio solo cittadino o regionale. Siamo a pochi metri da dove – prosegue Fiordomo – Giacomo si affacciava due secoli fa, e sappiamo da sempre che quel versante è fragile, che la zona è franosa e non è stata mai oggetto di interventi di prevenzione o di consolidamento».

Non è solo il versante verso la campagna a dare segnali preoccupanti di cedimento, ma persino la stessa struttura del parco leopardiano, dove sono visibili crepe larghe diverse centimetri, presenti sul muro di contenimento che da’ verso la strada o lungo le scalinate interne che portano alla sommità del Colle.

Per Fiordomo non è più tempo di polemiche. Il sindaco cita la querelle sulla country house, bocciata dalla Soprintendenza: se sia urbanisticamente corretto o no permettere la ristrutturazione del casolare diroccato di Dalla Casapiccola, che rischia di cadere da un momento all’altro, «impedendo con una polemica esagerata che il proprietario lo restaurasse». «Adesso – sottolinea il sindaco – siamo alla questione vera: il Colle non scoppia di salute e ha bisogno di essere consolidato e successivamente rigenerato con un progetto che riguarda la vegetazione, l’illuminazione».

Tutto è pronto pronto: c’è anche già un primo progetto di massima redatto dall’ufficio tecnico comunale «anche perché la tutela di quei luoghi – ricorda Fiordomo – è stata una delle priorità dell’Amministrazione che guido dal giugno del 2009». Mancano solo le risorse insomma. Un impegno che Fiordomo aveva già chiesto pubblicamente nel 2014 ricordando a Franceschini come il Colle fosse interessato da tempo da smottamenti e piccole frane. Ma a oggi rimane solo quella voragine a ricordare a tutti quanto sia fragile il nostro territorio.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente L'Oroscopo di oggi gli astri del Borghigiano Successivo Polpette ai chiodi al parco Galassia: lo sgambatoio resta chiuso ai cani