Unicam, inaugurato il 679° anno accademico

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Camerino (Macerata), 5 febbraio 2015 – “Cari studenti, avete ascoltato quanto Unicam stia facendo per accompagnarvi in questa delicata, ma altrettanto affascinante fase della vostra vita. Quello che state vivendo rimarrà impresso nella vostra mente come un periodo unico e irripetibile”. Con queste parole rivolte ai giovani il rettore Unicam Flavio Corradini con entusiasmo ed emozione ha dichiarato aperto il 679° anno accademico dell’Università di Camerino.

Ospiti quest’anno Marco Luppa, amministratore delegato della JH Conceria del Chienti spa; Nazzareno Mengoni, Chief Executive Officer dell’azienda Kubedesign; Mary Garret, ballerina solista del corpo di ballo del Teatro alla Scala di Milano.

L’evento, tenutosi stamattina al Teatro “Filippo Marchetti” gentilmente concesso dal Comune di Camerino, si è aperto con i saluti del presidente del Consiglio degli Studenti Pierpaolo Angeletti, della rappresentante degli studenti stranieri, del rappresentante del personale docente-ricercatore Tatiana Guarnier, del Garante del personale tecnico e amministrativo in CdA Stefano Belardinelli, del segretario Cisl Marco Ferracuti in rappresentanza della Consulta per il Lavoro e la Valorizzazione della Persona. Sono seguiti poi gli interventi del Direttore Generale dott. Luigi Tapanelli, del Rettore Corradini e dei tre ospiti.

Il tema scelto quest’anno è stato “Università e Società: percorsi di crescita, strategie di sviluppo”. “In questo momento storico – ha dichiarato il Rettore Corradini – che vede l’Italia cambiare, innovare e stimolarci in maniera significativa, dimostrandoci di essere capace di innovazione di rottura e non solo incrementale, Unicam deve continuare il percorso di istituzione strumentale alla crescita del nostro Paese, della nostra società” .



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Rompono il finestrino e rubano il pc nell'auto in sosta: presi Successivo Docente ateneo Urbino trovato morto in Tunisia