Urbino, un Palazzo Ducale sempre più multimediale

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Urbino, 4 gennaio 2015 – Nell’ambito del progetto speciale del MIBACT “Cultura senza ostacoli” «il Palazzo Ducale di Urbino – conferma la soprintendente Maria Rosaria Valazzi – è risultato al secondo posto tra le sedi museali statali che il pubblico desidera siano rese accessibili. Verrà perciò finanziato dal Ministero un progetto grazie al quale entro la fine del 2015 si potrà estendere l’accessibilità culturale della Galleria anche ai visitatori non vedenti, agli ipovedenti e alle persone affette da sordità, creando percorsi a loro dedicati, impiegando tecniche di comunicazione multisensoriale di tipo tattile, audiovisiva e con l’ausilio delle tecnologie innovative».

In particolare nelle sale rinnovate del cantinone «dove troverà spazio il museo lapidario – continua Valazzi – verrà allestita in collaborazione con il museo statale tattile “Omero” un’area leggibile ai portatori di disabilità sensoriali».

Nell’ottica proprio del «comunicare l’arte serve a preservarla» questa operazione che va ad aumentare il grado di accessibilità del Museo urbinate «si aggiunge al progetto di pubblicizzazione tramite supporto informatico che ha accompagnato gli ultimi anni di programmazione interna – conclude la soprintendente –. A riguardo vorrei ricordare la app sviluppata in collaborazione con le due università (Urbino e Politecnico delle Marche), la presenza nei maggiori social network e nel web con il sito istituzionale www.artimarche.beniculturali.it».

di s. v. r.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Ancona, papa Francesco nomina cardinale Edoardo Menichelli Successivo Urbino non è più sede della Soprindentenza