Ustionato all’Api, sette rinvii a giudizio per la morte dell’operaio

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 16 novembre 2015 – Il gup di Ancona, Francesca Zagoreo, ha rinviato a giudizio sette persone (sei con rito ordinario, uno con l’abbreviato) per la morte di Francesco Fiore, l’operaio 54enne leccese deceduto il 18 giugno 2013, venti giorni dopo essere rimasto ustionato in un incidente sul lavoro accaduto nello stabilimento Api di Falconara.

L’accusa, contestata a vario titolo, riguarda l’organizzazione e l’esecuzione dei lavori su 13 valvole di sicurezza dell’impianto a vapore che sarebbe stato in funzione, anziché fermo, con il rischio di incidenti e di fuoriuscita di getti di vapore durante lo smontaggio di ogni singola valvola. Il processo ordinario inizierà il 14 gennaio, l’abbreviato il 17 dicembre. Gli imputati respingono le accuse, sostenendo l’assenza di responsabilità.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente Civitanova, lascia la pentola sul fornello acceso Casa invasa dal fumo, paura per una donna Successivo Senigallia, Federica muore a 21 anni Un male incurabile non le ha dato scampo