Vaccino contro l’influenza, nelle Marche 250mila dosi gratis

vaccini

IL BORGHIGIANO FABRIANO IL BLOG DELLE MARCHE – È iniziata nelle Marche la campagna antinfluenzale 2015-2016, con molti medici che aderiscono all’iniziativa social #IoVaccino. Fino al 31 dicembre oltre 250mila dosi di vaccino sono gratuitamente disponibili presso gli ambulatori dei medici di medicina generale e i servizi vaccinali dell’Asur (Azienda sanitaria unica regionale). Sono chiamate a vaccinarsi le persone a rischio, gli anziani sopra i 65 anni, i soggetti con patologie croniche e gli stessi operatori sanitari, molti dei quali stanno aderendo alla compagna social #IoVaccino.

Questa mattina, Fabrizio Volpini (presidente della IV Commissione permanente Sanità e Politiche sociali), Alessandro Marini (direttore generale Asur) e Giuliano Tagliavento (dirigente Asur PF Prevenzione e Promozione della salute), si sono sottoposti alla vaccinazione presso il Dipartimento di prevenzione di Ancona, rilanciando l’iniziativa nazionale divenuta virale sui social network. È stata promossa da un gruppo di genitori, dopo che una bimba di pochi mesi ha contratto una malattia che si credeva debellata e prevedibile con un semplice vaccino. VaccinarSì, il portale delle vaccinazioni della Società italiana di igiene ha rilanciato l’iniziativa, invitando gli operatori sanitari a partecipare e diffondere immagini con gli hashtag “#IoVaccino”, “#IoMiVaccino, No alla #disinformazione e #TeamVaxItalia.

Nella stagione 2014-2015 milioni di italiani si sono ammalati di influenza. Sono stati segnalati oltre 450 casi gravi e 160 decessi per influenza confermata: quasi l’80% dei casi gravi e il 90% dei decessi presentavano almeno una patologia cronica preesistente, ma solo il 7,6% risultava vaccinato. Di qui l’appello rinnovato a proteggersi tramite il vaccino, con gli stessi medici a dare il buon esempio.

Soggetti a rischio. Vengono considerate persone a rischio, per le quali la vaccinazione è gratuita, tutti gli anziani che abbiano superato i 65 anni di età, soggetti affetti da malattie croniche a carico dell’apparato respiratorio o cardiocircolatorio, soggetti affetti da diabete mellito e altre malattie metaboliche, da malattie renali con insufficienza, da malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie, da tumori, da immunodepressione congenita o indotta da farmaci o da HIV, da malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinale, da patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici, da malattie neuromuscolari, bambini e adolescenti sottoposti a trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico.

Altre categorie, per le quali è, inoltre, raccomandata la vaccinazione, sono gli operatori sanitari e tutti i soggetti impiegati in attività di assistenza o, comunque, di primario interesse collettivo, i contatti stretti familiari di soggetti appartenenti alle categorie a rischio sopra elencate, le donne in gravidanza nel secondo e terzo trimestre e gli individui ricoverati in strutture di lungodegenza, case di riposo oppure frequentanti Centri diurni per portatori di handicap. La vaccinazione antinfluenzale è inoltre fortemente consigliata per quanti, per motivi di lavoro, vengono a contatto con animali (es. allevatori, macellatori, veterinari) che potrebbero essere fonte di infezione da virus influenzali aviari. Notizia riferita dal RESTO DEL CARLINO

Credit foto LA STAMPA

Precedente Fidanzatini killer, trovato il cellulare di Tagliata Successivo Il funerale di Francesca Ricci: "Senza Chicca nulla sarà più come prima"