«Via Roma è ostaggio dei ladri»

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Macerata, 2 ottobre 2014 – Via Roma non è stata mai così saccheggiata come in questi ultimi dieci giorni: il conteggio dei furti è arrivato a quattro. L’ultimo è quello subìto dal bar Roma: stando ai racconti dei titolari e degli impiegati, i responsabili avrebbero aperto un grosso buco nel muro del bagno e, una volta entrati, avrebbero preso la macchinetta cambiamonete dove c’erano circa 5.000 euro. E nel mirino era finito anche il distributore Ip. Cresce, dunque, la preoccupazione di tutti i commercianti della zona. «La situazione di via Roma è molto critica — racconta Silvio Rinaldelli, titolare del negozio Multisat —. All’inizio di settembre è stato il mio negozio ad essere visitato dai ladri e praticamente ogni giorno c’è un furto. Noi abbiamo cercato di mettere un allarme più efficace e di barrare le serrande. Ci vorrebbero delle telecamere esterne per tutelare meglio la via, in modo che fungano da deterrente per il ladro».

«Io spero che qui non vengano mai — afferma Cristian Mattei, del distributore Eni — , non mi sento sicuro. La mia è una delle attività più a rischio. Peraltro nel distributore non ci sono telecamere perché la società non ritiene che Macerata sia una città a rischio».

«Bisognerebbe parlare della sicurezza di Macerata in generale — afferma Ivan Angeletti, titolare del bar Delizie —. C’è un senso di insicurezza generale e, al tempo stesso, un deterioramento degli atteggiamenti delle persone. L’aria è cambiata da un pezzo. Ultimamente stanno succedendo cose che in una città come questa non erano mai accadute».

«La realtà di questa via è preoccupante — si sfoga Enrico Marasca di Classic Ottica —. Basti pensare agli ultimi furti e ai numerosi spacciatori. Visto che i poliziotti di quartiere non ci sono più, tra un po’ saremo costretti a difenderci da soli». «Quando avevo il locale vecchio in via Ettore Ricci — racconta Aldo Gobbi, titolare del bar La Dolce Vita —, mi hanno derubato due volte. Onestamente, non so più come tutelarmi: nel retro ho le sbarre di ferro e i vetri antisfondamento; davanti ho le serrande e l’allarme. Più di così non saprei proprio cos’altro fare. Con i costi che ha, fare l’assicurazione è impossibile. Oggi non c’è più sicurezza».

«Per quanto riguarda i furti — dice Riccardo Greco, impiegato di Computer Discount — in zona ho sentito parlare di molti casi. Ma non sapevo nulla di quanto accaduto al distributore Ip e al bar Roma. Non nego di avere un po’ di timore a tenere il negozio aperto da solo. Il periodo non è proprio bellissimo: la crisi si fa sentire e porta con sé meno sicurezza. Insomma, io non riesco a stare tranquillo». Una situazione difficile e preoccupante, insomma, quella evidenziata dai commercianti della zona. Sicurezza e tranquillità, dopo la recente escalation di criminalità, sono al minimo sindacale.



 

Precedente Ancona, farmaco antinfluenzale ragazza di 17 anni rischia di morire per choc anafilattico Successivo «Basta coi pregiudizi sul centro sociale. Il comitato ci evita»