Viabilità nel mirino alla Faleriense

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Porto Sant’Elpidio, 14 febbraio 2015 – La realizzazione di un accesso funzionale a sud del lungomare Europa, il rispristino delle tre fontane dislocate nel quartiere e l’attuazione del doppio senso di marcia nel tratto iniziale del lungomare Europa: questi gli argomenti più dibattuti nel terzo appuntamento dell’iniziativa «L’Amministrazione comunale incontra i quartieri». Giovedì sera, nella sede dell’associazione del quartiere Faleriense, sindaco e assessori hanno avuto un confronto diretto con i cittadini per più di tre ore. Il presidente dell’associazione Tiziano Giosuè, dopo aver sottolineato l’importanza del quartiere ricordando che è il più esteso e popolato della città, ha chiesto aggiornamenti sullo stato delle tre fontane. «La sistemazione delle tre fontane è in corso – ha detto l’assessore Buono –. Ognuna presentava una diversa problematica che stiamo cercando di risolvere. Prima dell’arrivo dell’estate saranno riattivate».

Sotto la lente d’ingrandimento sono poi finite le problematiche generate dall’istituzione del senso unico di marcia, alcuni anni fa, nella parte iniziale del lungomare Europa. Per i cittadini il senso unico rappresenta un enorme limite, che negli anni ha sfavorito in maniera determinante le attività commerciali della zona. Inoltre la rete stradale alternativa obbliga i mezzi pesanti e i camper a compiere manovre difficoltose. «Sarebbe inopportuno andare a rimettere le mani su un’opera come il lungomare – ha detto il sindaco –. Ci impegneremo a rendere più agibile il percorso alternativo, eliminando qualche parcheggio che rende difficoltoso il passaggio dei mezzi pesanti. Purtroppo il problema del commercio è molto più ampio e non è dipeso da un senso unico».

Il tema del dibattito si è poi spostato sulla necessità di un accesso più funzionale a sud del lungomare Europa, che si colleghi con la rotonda che porta al casello. I cittadini hanno evidenziato i limiti dell’attuale collegamento, lamentando il fatto che molti automobilisti preferiscono passare da Lido Tre Archi piuttosto che usare l’angusto sottopasso di via Pavia. I residenti hanno inoltre chiesto l’installazione di un dosso in via Milano, davanti all’asilo nido, la sistemazione dell’area camper vicino alla ex Fim, una migliore gestione degli spazi della sede del quartiere e un intervento sulla fognatura nella zona vicino al semaforo della Faleriense, che tende ad allagarsi ad ogni acquazzone.

Nicholas Arbusti



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Perde il controllo del paracadute e finisce sopra una abitazione, salvo Successivo Il porto delle sabbie: la ‘Marina’ minaccia carte bollate