Vigili aggrediti dopo la partita, il sindaco: "Atto vigliacco"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli Piceno, 7 gennaio 2015 – Non usa mezzi termini, il sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli, nel suo intervento di condanna dell’aggressione subita la sera dell’Epifania da tre vigili a conclusione della partita Ascoli-Teramo a Porta Cappuccina: «Si è trattato di un atto criminale e vigliacco».

Già ieri sera uno dei tre è stato medicato al pronto soccorso per lesioni guaribili in 5 giorni. Un altro si è recato oggi in ospedale per la sospetta frattura di una mano. «Spero che gli inquirenti possano al più presto identificare questi individui tanto vili da colpire in gruppo, e per giunta con spranghe di ferro, tre vigili disarmati – aggiunge Castelli -. Da ieri sono in continuo contatto con le vittime dell’aggressione che ho personalmente ringraziato sia per il coraggio dimostrato che per la dignitosità dei comportamenti assunti dopo la vicenda».

La tifoseria organizzata dell’Ascoli si è dissociata «da una vicenda che nulla ha a che vedere con il calcio e la passione sportiva». Intanto, sono in corso le indagini per identificare i responsabili dell’aggressione ai vigili intervenuti nel quartiere di Borgo Solestà dove si stava preparando un agguato ai pullman che riportavano i tifosi del Teramo a casa al termine della partita terminata con uno 0-0. Al vaglio degli inquirenti le immagini registrate da alcuni impianti di video sorveglianza privati della zona.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Pestato a sangue fuori dalla discoteca Successivo Consultinvest, raggiunto l’accordo con Chris Wright