Vigili del fuoco, le foto della cerimonia di Santa Barbara

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 4 dicembre 2015 – In dodici mesi oltre cinquemila interventi di soccorso, circa 15 al giorno in tutto il territorio provinciale. Questi dati racchiudono in sintesi un anno di lavoro dei vigili del fuoco. I dati sono stati presentati stamattina dal comandante provinciale Achille Cipriani, durante la tradizionale cerimonia in onore della patrona Santa Barbara.

La giornata è iniziata con la messa nella chiesa di San Filippo Neri officiata dal vescovo Nazzareno Marconi, ed è proseguita con l’alza bandiera nella piazzetta antistante. Quindi tutti i partecipanti, tra cui le autorità civili e militari della provincia, si sono spostati nell’auditorium di Banca Marche, dove il comandante provinciale ha presentato i numeri delle attività svolte nel 2015.

L’attesa protesta del sindacato Conapo per i tagli e la carenza di personale non c’è stata. Nessuno ha girato le spalle alla lettura dell’augurio istituzionale. Il comandante provinciale ha esaltato il grande impegno dei suoi uomini, ricordando tra l’altro il grande lavoro fatto dal dipartimento per l’incendio del Cosmari.

Quindi la presentazione dei dati. Gli interventi di soccorso nel 2015 sono stati 5.457, un più 10% rispetto all’anno prima: 926 per soccorso a persone o bonifiche insetti (+ 83,7%); 798 per incendi d’auto o nelle abitazioni (+42%); 556 per incidenti stradali (+13,9%); 124 per danni d’acqua (-20%); 87 per incendi boschivi (+24%); 75 per dissesti idrogeologici o statici (-31%); più altri minori fino ai 201 interventi per falsi allarmi.

Per quanto riguarda invece l’attività di prevenzione incendi (pareri di conformità, sopralluoghi per il rilascio del certificato e rinnovo del certificato stesso) sono stati fatti 1.132 interventi contro i 1.159 del 2014. È da sottolineare inoltre questi risultati sono stati raggiunti nonostante la carenza di organico. In totale nella nostra provincia mancherebbero nove vigili del fuoco: gli effettivi infatti sono 181 contro i 190 teorici.

«Porto sempre nel portafoglio la preghiera di Santa Barbara perché ritengo che un giorno senza rischio sia un giorno non vissuto, dove il rischio è uno sprono a prendersi le proprie responsabilità, a prendersi cura degli altri». Sono state queste le parole che il prefetto Roberta Preziotti ha usato per omaggiare il corpo.

La cerimonia è stata anche il momento delle consegna delle benemerenze. Cinque in tutto: due per lodevole servizio a chi è andato in pensione e altre tre croci di anzianità al personale in servizio. Per la prima categoria sono stati premiati Silvano Belli e Annamaria Amalo; per la seconda invece: i vigili permanenti esperti Andrea Forconi e Luca Maravaglia e il volontario Tiziano Calò. Hanno chiuso la cerimonia le parole del direttore regionale Ugo Bonessio. «I risultati raggiunti – ha detto – hanno dimostrato che in questi dodici mesi i 1.000 vigili del fuoco delle Marche hanno svolto il proprio dovere a servizio dei cittadini e del territorio».

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Targa e bollo sulla bici, scoppia il caso Successivo Incidenti stradali:anziano ciclista travolto e ucciso da tir