Vigili del Fuoco di Fabriano e Arcevia impegnati. Strade invase dal fango

vigili del fuoco
Vigili del fuoco in azione (fonte il giorno.it)

STRADE INVASE DAL FANGO E FOSSI A RISCHIO ESONDAZIONE

Fonte Il Corriere Adriatico – Veronique Angeletti –

L’ondata di pioggia che ha flagellato il Sentinate tutto il pomeriggio di ieri durante la notte ha lasciato nel territorio profonde ferite.

SASSOFERRATO – Situazione critica in particolare in via Crocefisso all’altezza del bivio per Montelago. Dalla strada provinciale che raggiunge quasi la cima del Monte Strega un vero e proprio fiume di acqua è sceso a valle invadendo l’incrocio e creando non pochi problemi al traffico in ambedue le direzioni. Un fiume che ha costretto i vigili del fuoco di Arcevia e Fabriano ad affiancare gli uomini dell’ufficio tecnico comunale. Squadre che sono anche dovute intervenire in via Cagli invasa dall’acqua. Per questioni di sicurezza la strada è stata chiusa alla circolazione verso le ore 21. Come al solito, il fiume Sentino in località Felcioni è ovviamente un sorvegliato molto speciale. I suoi argini hanno ceduto e l’acqua nella notte ha invaso orti e giardini senza però creare problemi né alla scuola dell’infanzia né all’asilo nido. Sulla strada provinciale di Cabernardi ed in numerose strade di campagna non si contano le scarpate che hanno ceduto sotto il peso dell’acqua. Un inferno per gli automobilisti costretti ad evitare buche, smottamenti, melma e fango. Sopratutto nei tratti dove la Provincia è intervenuta di recente – proprio per riaprare i danni provocati da l’ultima ondata di maltempo – e che non sono stati cancora asfaltati. Particolarmente critica la zona intorno al mulino dove il rio Nevola è gonfio d’acqua

© Riproduzione Riservata 

Precedente Lavoro,nasce Comitato disoccupati Piceno Successivo Crolla il tetto di una palestra, tragedia sfiorata