Violentata per 9 anni dal padre, choc a Chiaravalle

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Chiaravalle (Ancona), 17 febbraio 2016 - «Violentata da mio padre per 9 anni». Con questa denuncia, il mese scorso, una ragazza di origine albanese di 23 anni ha fatto finire in carcere il padre 50enne, accompagnato a Montacuto sulla base di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari di Ancona.

I fatti si sarebbero svolti a Chiaravalle dal 2001 al 2010, dopo che la famiglia albanese si era trasferita in Italia. In precedenza il padre aveva vissuto solo in altri Paesi europei, dove era arrivato in cerca di fortuna. A Chiaravalle aveva trovato un lavoro stabile come carrozziere e aveva deciso di portare con sé anche la moglie e le due figlie: la famiglia si era finalmente riunita nel 2001 ma da allora, secondo la primogenita, era cominciato l’incubo.

Quando aveva solo 9 anni il padre avrebbe costretto la ragazza ad avere rapporti sessuali, consumati in modo furtivo al mattino presto, prima che l’uomo uscisse per andare al lavoro e lei per andare a scuola. Violenze che sarebbero proseguite fino a quando la ragazza non ha compiuto 18 anni ed è partita per frequentare l’università all’estero. Solo a gennaio, però, dopo 5 anni dai fatti, la ragazza sarebbe tornata dall’università per denunciare il padre.

L’indagato, difeso dall’avvocato Alessia Bartolini, nega ogni accusa e sostiene che le violenze siano state inventate dalla figlia: tra la ragazza e suo padre, di recente, ci sarebbero state contrapposizioni legate allo studio, a causa dello scarso rendimento della 23enne e le difficoltà economiche del padre, pronto a sostenere sacrifici per far studiare la figlia ma solo a fronte di buoni risultati. Anche la madre della ragazza avrebbe riferito di non aver sospettato mai nulla.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Fabriano - «Scarichi e tubi ingabbiano il ponte dell’Aera: irrispettoso» Successivo Agromafie Marche: sale la criminalità Ancona e Ascoli le province a rischio