«Vogliamo lo stipendio», assediato ufficio di Concetti

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Pesaro, 07 novembre 2014 – «Vogliamo lo stipendio, vogliamo ciò che ci spetta, Concetti scendi giù». Dopo quattro ore di sciopero con picchetto dei sindacati del commercio (Filcams Cgil e Fisascat Cisl unitamente alle Rsa) davanti alla sede legale dell’azienda Tfa, l’imprenditore titolare della Concetti Alimentari s.r.l. (Gruppo Delfino) a cui è collegata la Tfa, Riccardo Concetti è sceso tra i dipendenti per trovare un accordo.

«Lo stato di agitazione a sostegno della precarietà che ha colpito i cinquanta lavoratori della ditta Tfa, ha avuto esito positivo – conferma Loredana Longhin, segretario provinciale Filcams Cgil – La mobilitazione inizialmente programmata per coprire le prossime 24 ore verrà congelata».

Non revocata. «No. Da qui al 16 dicembre Filcams Cgil e Fisascat Cisl unitamente alle Rsa controlleranno il rispetto degli impegni assunti oggi dall’imprenditore in vista del prossimo confronto tra le parti».

Che tipo di accordo si è raggiunto?

«L’esito della trattativa di questa mattina ha portato Riccardo Concetti a concordare con i presenti un piano di rientro per quanto riguarda l’esposizione debitoria nei confronti della cinquantina di dipendenti, impiegati in negozi alimentari a marchio Ecco, diffuso in tutto il territorio marchigiano, colpiti dai reiterati ritardi registrati nel pagamento delle retribuzioni, della mancata erogazione della quattordicesima e dell’assenza di un piano industriale che dia ai lavoratori una minima prospettiva futura».



 

Precedente Ex A. Merloni,attivare Accordo programma Successivo Razzia al campo sportivo Magi: forzano l’entrata e portano via pc, scanner e macchina del caffè