Vuelle, Dell’Agnello: “Mi dispiace che la squadra sembri persa”

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Pesaro, 2 novembre 2014 – Escono sconfitti i ragazzi di Sandro Dell’Agnello dal palazzetto di Reggio Emilia, ma l’allenatore non è pessimista per il futuro: «Mi dispiace afferma nel suo commento post-partita che la squadra in campo sembri a tratti persa, quasi fossimo sul parquet per caso. I ragazzi ce la stanno mettendo tutta, si allenano molto duramente e con metodo, ma non sono ancora pronti ad affrontare un tasso tecnico quale quello che una squadra come Reggio Emilia mette in campo. Cresceremo passo dopo passo e abbiamo margini enormi. Non siamo disuniti come talvolta sembra in campo, ma quello che produciamo è il massimo che ora possiamo fare. Non è ancora sufficiente per giocarcela in questo campionato soprattutto con squadre della caratura della Grissin Bon».

Ci sono giocatori osservati speciali al momento?

«No, sono tutti ragazzi giovani e vivono alti e bassi che non permettono di dare valutazioni reali. Tutti si impegnano e fin che questo è il loro livello di attenzione, lavoriamo valutandoli tutti. Il compito che avevano a Reggio Emilia era più grande di loro, ma con il tempo saremo pronti».

Manca un po’ il gioco sotto canestro?

«In realtà no, ma non siamo riusciti a concretizzare i nostri meccanismi di gioco anche perché trovarsi davanti Cervi e Lavrinovic non sarà facile per nessuno. Poi abbiamo anche sbagliato molti tiri da sotto e su questo lavoreremo di più».

Ha sensazioni positive quindi?

«Sì, ma il percorso che dobbiamo seguire è solo all’inizio e queste nasate serviranno a rinforzare una squadra giovane e proiettata al futuro».

Soddisfatto il coach di Reggio Emilia Massimiliano Menetti. «Siamo riusciti a fare il gioco che volevamo e a condurre la partita dice . Con tutti gli impegni che stiamo affrontando e l’infermeria piena ogni vittoria in questo momento è molto importante».

Giovanna Corradini



 

Precedente Aereo dirottato a Bologna Panico a bordo e disagi Successivo I Subsonica live all’Adriatic Arena mandano in delirio i 3.500 spettatori