Whirlpool, niente cassa integrazione

whirlpool

FABRIANO – NIENTE cassa integrazione agli stabilimenti Whirlpool di Melano e Albacina anche per tutto il febbraio. Dopo che già a gennaio si è lavorato a pieno regime, ora pure per il mese appena iniziato il management ha deciso di rinunciare al ricorso dall’ammortizzatore sociale in forma straordinaria pur potendone beneficiare in teoria senza alcun limite fino a tutto il 2018 come riferito nell’accordo con il Ministero. Appena un anno fa nello stesso periodo invernale, infatti, si era arrivati a dieci giorni di chiusura mensile dei siti per le fermate collettive di cassa, mentre ora si è tornati a lavorare a pieno regime. Anzi i ritmi salgono tanto che da qualche giorno a Melano sono tornati i doppi turni di lavoro con la reintroduzione del ciclo mattutino con orari 6-14 e di quello pomeridiano delle 14-22. Un segnale da parte della proprietà americana di estendere l’operatività del sito produttivo iin una fase in cui sono arrivate quattro nuove linee produttive spostate nello stabilimento fabrianese dalla campana Carinaro, dopo che nei mesi scorsi la stessa Melano si era appropriata dei piano cottura in precedenza preparati in Polonia. Messaggi nel complesso incoraggianti, anche seWhirlpool conferma la chiusura in arrivo dello storico sito locale di Albacina prevista con ogni probabilità entro la fine dell’anno. Non a caso sono già 130 i lavoratori che hanno lasciato il più antico dei due stabilimenti locali per trasferirsi proprio nella vicina Melano. Anche di questo si parlerà il primo marzo nel vertice tra azienda e  i sindacati su scala territoriale. Notizia riferita dal Resto del Carlino di Fabriano

Precedente Fabriano - Area riservata ai camper tra le polemiche, il progetto per l’asfalto c’è: mancano i fondi Successivo Kouko show all’Helvia Recina, la Maceratese passeggia sul Rimini