‘Yoga Open Day’, gratis a palazzo Buonaccorsi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 2 settembre 2015 – Con un anno esatto di distanza, il 5 e il 6 settembre torna l’iniziativa “Yoga Open Day”, due giorni nella splendida location di palazzo Buonaccorsi per avvicinarsi liberamente alla disciplina millenaria dello yoga. L’iniziativa, promossa e organizzata dalla scuola di yoga di Macerata Surya Om Candra del maestro e fisioterapista Stefano Pagnanelli e patrocinata dalla Provincia e dal Comune di Macerata, si articola in una serie di incontri tutti legati tra loro dal filo tematico dello “Yoga nella vita”.

Come lo yoga si integra con la quotidianità? La pratica e le tecniche possono migliorare la vita di tutti i giorni? Come cambia la qualità della vita individuale e il rapporto con gli altri? Queste le domande a cui si tenterà di dare risposta attraversando i vari e vasti ambiti nei quali la disciplina millenaria da sempre effettua ricerca.

L’open day si aprirà sabato 5 alle 16.30 con la presentazione ufficiale del tema. A seguire la psicologa e psicoterapeuta del centro yoga, Irene Pagnanelli, tratterà le tematiche inerenti a “Come nutrire la mente per nutrire la vita”. La domenica parte alle 9 con le pratiche relative al risveglio energetico. Nelle successive tre sessioni, si toccheranno poi mondi vasti e affascinanti come quelli dell’illuminazione organica e cellulare, del respiro e del rilassamento sia fisico che conseguentemente mentale.

Il programma è consultabile integralmente sul sito www.yogasuryaomcandra.it. La partecipazione pur essendo in forma assolutamente gratuita, richiede l’iscrizione o compilando l’apposito form sul sito o chiamando i numeri 335.6438692/340.7665285. Si consigliano abiti comodi, tappetino e/o coperta.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente San Benedetto in lutto per la morte di Mario Bazzi, storico dirigente del Pci Successivo Fabriano - Oggi alle 15 l'ultimo saluto del ragazzo 16enne nella chiesa di San Venanzio ad Albacina